Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

Non morire nel presente per far rivivere il passato

L’uomo è morto quando rinuncia al vivere pieno in società, ai sacrifici con cui ci si assicura la prosperità, a tutti i valori morali, al rispetto dell’ambiente. L’uomo incapace di affrontare tutto questo, tutto questo che è semplicemente la vita, non e’ un uomo. È un cadavere.

I cadaveri rimangono uccisi dal fascino dei vacui sorrisi, da false promesse, da inganni di parole femminili, dall’attrazione del piacere, dalla trappola della seduzione del potere, dall’esercizio del proibito, dal tintinnio del denaro.

Il vivo non è colui che respira, o meglio, il soggetto in grado di spendere e spandere. L’uomo vivo non ricerca la felicità immediata, bensì quella incessante, coltiva con sacrificio la famiglia, le amicizie e l’umanità.
Il vivo innaffia e cura la vita come pianta per produrre i frutti della felicità nel futuro.

Io ritengo riduttivo e limitante fermarsi solo a studiare ed enfatizzare il passato con tutta la sua storia, per poi vivere in modo così banale e superficiale il presente.

Noi tutti, dal momento in cui siamo nati, siamo automaticamente entrati a far parte integrante della storia. Impegniamoci di più, con più costanza nella vita sociale, politica, produttiva e culturale del nostro paese in modo da poter scrivere in prima persona la storia e non restare passivi lettori.

Ricordiamoci che noi tutti siamo: gli ammarati sulla luna, i sopravvissuti alla caduta delle ideologie, i testimoni di eccidi, pulizie etniche ed esodi biblici, i conviventi nella precarietà, gli autori dell’atomica, della clonazione e dell’inseminazione. siamo la memoria vivente di tutto questo e tanto altro ancora. Siamo noi i testimoni di tantissimi cambiamenti.

L’artefice è importante tanto quanto la sua opera, se non di più: a che serve restare stupefatti dinnanzi alla gioconda ed ignorare tutto il vissuto di Leonardo? Non trascurare la vita quotidiana perché e’ storia che continua. Non dedicare più tempo ed impegno al passato che al presente.

La storia insegna che nel momento in cui la maggior parte dei cittadini si disimpegna e si disinteressa della storia quotidiana,i più forti ed i più malvagi impongono i propri interessi e la propria disciplina fin al punto di essere divinizzati dallo stesso popolino ( ogni riferimento al sig. b. è puramente casuale/calzante.).

Nojano non vivere a ritroso
, vieni con noi, perché, diventando un annojato, rimuovi la nostalgia del passato, la paura del presente ed il terrore del futuro. Con noi puoi essere partner di un progetto ed
esecutore in corso d’opera.

l’anNOJAto
Giacomo Colonna

Lascia un Commento

  

  

  

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>