Error: Twitter did not respond. Please wait a few minutes and refresh this page.

Al sussurro inizia a seguire l’eco: comandamento numero ZERO Ama il tuo prossimo più di te stesso


Il ns. messaggio d’etica  pubblica basato su 10 punti è iniziato a girare nei partiti (un po’ boicottato, a volte male interpretato e sicuramente poco gradito) e grazie all’impegno  del movimento, lo stesso, si vocifera nella c.d. società civile.

Era questo, il ns. primo intento, sussurrare l’esigenza di uno strumento o modo nuovo per individuare ed eleggere  i politici/amministratori locali, cercando d’imporre o forse il termine è molto  forte, diciamo di consigliare agli stessi, un regolamento d’autodisciplina, tipo H.A.C.C.P., per i non addetti, autocontrollo sanitario sugli alimenti, sbaglio o non ci tranquillizza e rassicura, dalla macelleria, al bar, a ristorante o da qualsiasi altro esercente pubblico vedere sulla vetrina l’adesivo con il logo H.A.C.C.P.

In questo momento di incertezza in cui si richiede il sacrificio o il contributo di tutti, e si chiama SOLIDARIETA’ non dimentichiamolo, è la politica ad essere malata il paziente, ed è la società civile, noi tutti, chiamati a guarirla i medici ;  potrebbe essere l’HCCP  la terapia blanda da somministrare inter nos, in casa, o poiché i giovani che sicuramente ci guardano e ci ascoltano possono essere in grado di attuare una terapia d’urto o meglio chirurgica d’asportazione, dall’esito più incerto e indubbiamente, molto ma molto più dolorosa.

Vi chiedo, è inadeguato, è ingiusto, è inopportuno richiedere  candidati che rispondano al ns. manifesto d’etica pubblica, non credo che la ns. cittadina, con il vanto di “uno dei cento comuni d’Italia”, non riesca ad esprimerli o come io ritengo, i candidati di questo spessore, non portano voti d’eredità o di promessa, non sono propedeutici per gli apparentamenti e gli accordi sottobando, sono scomodi nelle coalizioni ovvero, solo perché difficilmente si sporcano le mani per apparentamenti contro natura dx e sx pari sono; gli stessi non riescono ad emergere dai partiti o dalle liste civiche e difetto più grande forse perché non ti assicurano la vittoria a tavolino, non avendo i voti legati, non permettono ai ragionieri e mestieranti della politica a tavolino di tirare le somme portando l’esito del voto ad un mero atto formale, in quanto il risultato è già acquisito ed i giochi e le scelte già fatte.

Compito dei nojani è creare un forte consenso d’opinione nei confronti del manifesto d’etica pubblica in tutte le sedi ed i luoghi, per svecchiare e portare nuova linfa, nuova creatività, nuove competenze, una nuova politica trasparente responsabile ed onesta, solo così i candidati posso aspirare e meritare il ns. voto e soprattutto si parte da squadra prima per eliminare inciucci e deleghe in bianco.

Noi cittadini, dobbiamo intravedere nel candidato, in aggiunta ai 10 punti del manifesto d’etica, che risponda ad un unico comandamento civico, come il buon padre di famiglia, e mi scuso fin d’ora per l’uso o meglio per l’abuso del termine, Comandamento numero zero AMA IL TUO PROSSIMO PIU’ DI TE STESSO perché per te stesso puoi accettare dolori e sofferenze molto pesanti fino al suicidio, ovvero fino a venir meno al rispetto della vita, ma per la comunità come per i figli il massimo del bene.

Tener fuori i giovani, una intera generazione da questa condivisione d’intenti qual’è la politica, significa non responsabilizzarli non renderli capaci  di contribuire e di sostenere un welfare . Noi adulti, fin dalla nascita abbiamo stipulato un patto non scritto con la natura ed i ns. figli, preservare quello che abbiamo trovato e migliorare le condizioni di vita delle generazioni a venire.  Vi sembra cari amici che stiamo tendo fede all’impegno?  perché i giovani dovrebbero pagare le ns. pensioni perché gli abbiamo trasferito precariato, falsi valori, cattivi esempi, esclusioni ect….

Giacomo Colonna

AnNOJAto

 

 

 

Lascia un Commento

  

  

  

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>